DATA:

19 febbraio 2018

[:it]Le gomme al grafene sono pronte a conquistare i settori dell’automotive e del motociclismo. Directa Plus ha infatti appena ottenuto un importante brevetto per un composito elastomerico contenente grafene e per componenti per pneumatici a base di questo composito, esteso a vari Paesi.

“La nostra formula rappresenta una vera innovazione per un settore maturo come quello degli pneumatici – spiega Giulio Cesareo, fondatore e CEO di Directa PlusIl contenuto di grafene nelle gomme per auto, moto e bici riesce ad apportare un notevole incremento delle loro performance: per la prima volta diventa possibile, grazie alla particolare struttura del grafene, ridurre la resistenza al rotolamento delle gomme aumentandone al contempo la tenuta. Significa, di fatto, creare pneumatici più veloci ma insieme più sicuri in curva e in frenata, oltre che consumare meno carburante, a vantaggio del risparmio economico ma soprattutto della sostenibilità ambientale, che resta uno dei nostri principali obiettivi”.

Le gomme al grafene hanno già dimostrato le proprie performance non solo nei numerosi test condotti dall’azienda, ma affrontando con successo la prova del mercato nel settore ciclistico. “Già da più di due anni abbiamo lanciato, insieme al nostro partner Vittoria Group, le gomme al grafene per biciclette, che sono disponibili in una vasta gamma e attualmente utilizzate da professionisti e amatori. Abbiamo scelto di entrare prima nel settore ciclistico per validare ulteriormente la nostra formula e arrivare preparati alla prova del mercato automotive e motociclistico, con cui abbiamo già contatti aperti. Ora siamo pronti, e crediamo che in tempi brevi gli pneumatici per auto e moto al grafene saranno realtà quotidiana, conclude Cesareo.[:]

Articoli correlati

Presentati ieri i dati sul mercato italiano del private equity e venture capital del primo semestre 2018.

Continua a leggere

Tra i relatori, Giancarlo Rocchietti, Presidente del Club degli Investitori.

Continua a leggere

I finanziamenti all’economia reale: oggi sulle pagine de Il Sole 24 Ore si parla anche di noi.

Continua a leggere

In seguito al lancio del satellite dimostrativo di Astrocast nel 2018, la missione InOrbit NOW rilascerà in orbita il terzo lotto di satelliti, raggiungendo, in caso di successo, dodici veicoli operativi.

Continua a leggere