DATA:

10 Gennaio 2017

[:it]Articolo tratto da economyup.it

Sono Lanieri e D-Orbit le startup selezionate per entrare a far parte del network internazionale di scaleup supportate da Endeavor Italia. La scelta è ricaduta sui fondatori delle due società durante l’International Selection Panel di Palo Alto, un programma di scouting che coinvolge numerosi attori della rete di Endeavor (network internazionale di imprenditori e venture capitalist).

«In Endeavor abbiamo trovato un network di imprenditori molto competenti e che credono nel concetto del ‘give back’ tipicamente americano – racconta a Startupbusiness Simone Maggi, co-fondatore di Lanieri.com – . Riteniamo che sia importantissimo per la fase in cui si trova Lanieri ora, ovvero quella di scaleup. Abbiamo ricevuto tantissimi feedback sia a livello di business sia di prodotto. In particolare, tutti i panelist ci hanno confermato quanto il mercato americano possa essere particolarmente reattivo al nostro modello di business e al nostro prodotto».

Lanieri è una startup italiana – nata dall’idea di Simone Maggi e Riccardo Schiavotto – che vende online abbigliamento su misura da uomo rigorosamente Made In Italy.

D-Orbit è una società operante nel settore spaziale – fondata da Luca Rossettini Renato Panesi– attiva nello sviluppo di sistemi di decommissioning di satelliti (ossia sistemi responsabili della rimozione sicura e controllata dei satelliti al termine della vita operativa).

[:]

Articoli correlati

Torino, 8 aprile 2019 – Pubblicato su www.italiantechweek.org il programma ufficiale della Italian Tech Week, la quattro giorni di futuro che si terrà a Torino dal 25 al 28 giugno […]

Continua a leggere

L’operazione è uno dei maggiori round di venture capital ad oggi in Italia

Continua a leggere

Un’opportunità per favorire l’espansione dell’azienda nel portfolio del Club degli Investitori verso il mercato statunitense.

Continua a leggere

L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha assegnato alla società nel portfolio del Club un contratto GSTP (General Support Technology Program) per lo “sviluppo di un distributore di CubeSat in orbita”.

Continua a leggere