DATA:

19 Aprile 2016

[:it]Egregio Presidente,

come innovatori, investitori ed imprenditori ci rivolgiamo a Lei per far sì che l’Italia colga un’occasione storica per far entrare la propria industria della musica nella modernità. Una rivoluzione copernicana sta scuotendo l’industria musicale in Europa – la tecnologia ha reso possibile remunerare autori ed editori per i singoli utilizzi delle loro opere su tutti i canali di fruizione, senza ingiustificati ritardi e opacità; per questo sta nascendo un intero settore di servizi innovativi, startup tecnologiche, nuove imprese che crescono, assumono giovani, competono tra di loro al servizio e tutela dell’immenso patrimonio musicale europeo.

Purtroppo l’Italia rischia di restare tagliata fuori da questa ondata di innovazione. Il diritto di autore sulle opere musicali genera in Europa €5 miliardi di ricavi ogni anno, gestiti da vecchi monopolisti che forti di norme compiacenti gestiscono questo gettito in modo opaco. Questa gestione genera enormi svantaggi economici per autori ed editori, costretti a iscriversi a enti in cui non contano nulla. In particolare ne soffrono economicamente gli autori ed editori più deboli, soprattutto i giovani. In Italia questo giogo è sancito da una legge del 1941 che garantisce una posizione monopolistica alla SIAE. Nel 2014 l’Unione Europea ha inteso mettere fine a questa situazione di fatto insostenibile, emanando la direttiva 2014/26/UE, che è divenuta efficace il 10 Aprile 2016 e stabilisce alcuni semplici principi, tra cui:

  • Ogni titolare ha diritto ad iscriversi alla società di raccolta di propria scelta, dovunque essa sia costituita in Europa, sia essa una società mutualistica o una entità di gestione indipendente
  • Le varie società di raccolta devono competere in base a qualità dei servizi, dettaglio dei resoconti, distribuzioni veloci, abbandonando quelle pratiche anticompetitive che limitano la libertà di scelta degli autori ed editori

Questa direttiva porterà innovazione in un settore finora asfittico, consentendo ai titolari di diritti d’autore di avere accesso alle informazioni sull’utilizzo delle proprie opere e ricevere pagamenti tempestivi da parte di soggetti scelti liberamente in base a qualità del servizio e trasparenza. Naturalmente in Italia la lobby della conservazione è in azione per impedire il cambiamento e le sue argomentazioni sembrano aver fatto breccia anche in alcuni esponenti del Governo, ma siamo certi che il Governo sotto la Sua leadership non si farà sviare nel favorire alcuni a svantaggio di molti che si attendono che vecchi privilegi e rendite di posizione siano smantellate e merito e concorrenza possano affermarsi.

Ci rivolgiamo a Lei, Egregio Presidente, perché l’Italia non si faccia sfuggire questa opportunità: crediamo che il suo Governo e i partiti che lo sostengono vogliano un paese libero, moderno, dove la creatività e la musica sono settori strategici.

Cordiali Saluti,

Club degli Investitori (100 investitori professionali)
Italia Angels for Growth (120 investitori professionali)
Italian Business Angels Network Association (115 investitori professionali)
Permicro S.p.A. (Società di microcredito)
Marco Piana, Managing Partner VAM Investments S.p.A.
Luigi Capello, Amministratore delegato Lventure S.p.A. e fondatore Luiss/Enlabs
Marco Trombetti, CEO Translated e Memopal
Augusto Coppola, fondatore InnovAction Lab, direttore programma accelerazione Luiss Enlabs
Gianmarco Carnovale, Presidente Roma Startup
Matteo Fago, fondatore Venere S.p.A. e proprietario L’Asino d’oro edizioni s.r.l.
Luca Rancilio, Consigliere di Amministrazione Shark Bites S.p.A.
Lorenzo Franchini, fondatore ScaleIT Capital
Alessandro Nasini, Fondatore Startalia
Stefano Bernardi, Fondatore Mission and Market e Italia Startup Scene
Enrico Pandian, CEO Supermercato 24
Fabio Pezzotti, fondatore e CEO Xandas New Media Ventures
Nicola Mattina, Fondatore Talent Garden Roma[:]

Articoli correlati

L’aumento di capitale è stato sottoscritto dagli investitori della community della piattaforma Doorway, dai membri di IAG e dal Club degli Investitori. La startup mira allo sviluppo dei suoi progetti […]

Continua a leggere

Il Club degli Investitori sostiene la proposta di don Luca Peyron, Direttore della Pastorale universitaria e coordinatore del servizio per l’Apostolato Digitale dell’Arcidiocesi di Torino per ospitare il centro di […]

Continua a leggere

Il Club degli Investitori completa il suo primo investimento negli USA, secondo investimento estero in meno di 12 mesi Evergreen produrrà radiofarmaci teragnostici avviando la produzione in uno stabilimento nel […]

Continua a leggere

Business Angels Europe, una delle principali associazioni di business angel in Europa, intervista Giancarlo Rocchietti, Presidente del Club degli Investitori. Durante l’intervista, Giancarlo ha parlato della nascita del Club, della principali strategie […]

Continua a leggere