DATA:

12 Febbraio 2017

[:it]Per la prima volta un prodotto tessile contenente grafene viene premiato con un award di settore: si tratta della giacca a vento Technologic G+ di Colmar, annunciata oggi come Gold Winner a ISPO, la più importante fiera del settore sportivo in corso a Monaco di Baviera.

“Siamo particolarmente orgogliosi di questo risultato raggiunto da Colmar, azienda che è stata fin dalla scorsa stagione uno dei nostri partner più importanti per portare il nostro grafene G+ ai consumatori finali – commenta Giulio Cesareo, CEO di Directa Plus, uno dei più grandi produttori e fornitori di grafene al mondo – Con Colmar abbiamo condiviso il progetto di creare capi di abbigliamento in grado di assicurare un livello mai raggiunto di comfort a chi li indossa, grazie alle proprietà di conducibilità termica del grafene G+ nel piano e non attraverso il tessuto. Per la prima volta grazie al grafene G+ siamo in grado uniformare la temperatura del corpo eliminando i punti caldi e aumentando il comfort. Credo che questo premio significhi che l’innovazione portata da Colmar sia stata non solo apprezzata dai consumatori, come testimonia il successo che sta raccogliendo la capsule collection in vendita nella stagione in corso, ma anche riconosciuta dagli esperti del settore come ricca di grande potenziale per ulteriori sviluppi futuri”.

La giacca Technologic G+ fa parte della collezione presentata da Colmar a ISPO per la stagione invernale 2017/18, che include tre reinterpretazioni di altrettante giacche iconiche degli anni ’50, ’80 e ’90, tutte contenenti grafene G+. In questo modello, ispirato all’omonimo modello degli anni ’90, il grafene G+ viene stampato nell’ovatta dell’imbottitura, consentendo la distribuzione uniforme e la conservazione del calore prodotto dal corpo. Nel modello Guaina Zeno G+ viene invece impiegato nella fodera, mentre nella Bormio viene per la prima volta utilizzata una innovativa membrana esterna al grafene, impermeabile, traspirante e con caratteristiche di conducibilità termica uniche.[:]

Articoli correlati

L’aumento di capitale è stato sottoscritto dagli investitori della community della piattaforma Doorway, dai membri di IAG e dal Club degli Investitori. La startup mira allo sviluppo dei suoi progetti […]

Continua a leggere

Il Club degli Investitori sostiene la proposta di don Luca Peyron, Direttore della Pastorale universitaria e coordinatore del servizio per l’Apostolato Digitale dell’Arcidiocesi di Torino per ospitare il centro di […]

Continua a leggere

Il Club degli Investitori completa il suo primo investimento negli USA, secondo investimento estero in meno di 12 mesi Evergreen produrrà radiofarmaci teragnostici avviando la produzione in uno stabilimento nel […]

Continua a leggere

Business Angels Europe, una delle principali associazioni di business angel in Europa, intervista Giancarlo Rocchietti, Presidente del Club degli Investitori. Durante l’intervista, Giancarlo ha parlato della nascita del Club, della principali strategie […]

Continua a leggere