DATA:

3 Ottobre 2016

[:it]

Lui si ricorda persino la marca Ldi quella birra. Che c’entra la birra con il grafene? C’entra, c’entra, considerato che lui è Giulio Cesareo, l’uomo del grafene. L’uo mo che ha portato il futuro in Borsa a Londra, che ha portato il futuro in Italia, a Lomazzo (Como) con la sua Directa Plus. Ma facciamo un passo alla volta. E torniamo dove tutto è cominciato, alla birra, appunto. «Già, io e i miei soci americani, con cui ho diviso le più esaltanti esperienze di lavoro della mia vita, eravamo in un bar di Nashville, in Tennessee, davanti a una bottiglia di birra ed è lì, davanti a quella birra, che mi venne l’intuizione: produrre grafene, il materiale dalle mille applicazioni, la plastica del domani e anche del dopodomani, come mi piace definirlo, e svilupparlo con un processo industtiale che lo rendesse purissimo, con un prezzo più che abbordabile e già pronto per entrare nel mercato».

Clicca qui per continuare a leggere l’intervista.

[:]

Articoli correlati

La settimana dell’innovazione italiana cresce per fare spazio a nuovi eventi: dal 24 al 30 giugno decine di eventi professionali, formativi e di informazione gratuiti sui temi della tecnologia Ferrovie […]

Continua a leggere

Torino, 8 aprile 2019 – Pubblicato su www.italiantechweek.org il programma ufficiale della Italian Tech Week, la quattro giorni di futuro che si terrà a Torino dal 25 al 28 giugno […]

Continua a leggere

L’operazione è uno dei maggiori round di venture capital ad oggi in Italia

Continua a leggere

Un’opportunità per favorire l’espansione dell’azienda nel portfolio del Club degli Investitori verso il mercato statunitense.

Continua a leggere