DATA:

3 Ottobre 2016

[:it]

Lui si ricorda persino la marca Ldi quella birra. Che c’entra la birra con il grafene? C’entra, c’entra, considerato che lui è Giulio Cesareo, l’uomo del grafene. L’uo mo che ha portato il futuro in Borsa a Londra, che ha portato il futuro in Italia, a Lomazzo (Como) con la sua Directa Plus. Ma facciamo un passo alla volta. E torniamo dove tutto è cominciato, alla birra, appunto. «Già, io e i miei soci americani, con cui ho diviso le più esaltanti esperienze di lavoro della mia vita, eravamo in un bar di Nashville, in Tennessee, davanti a una bottiglia di birra ed è lì, davanti a quella birra, che mi venne l’intuizione: produrre grafene, il materiale dalle mille applicazioni, la plastica del domani e anche del dopodomani, come mi piace definirlo, e svilupparlo con un processo industtiale che lo rendesse purissimo, con un prezzo più che abbordabile e già pronto per entrare nel mercato».

Clicca qui per continuare a leggere l’intervista.

[:]

Articoli correlati

Inizia un nuovo capitolo per la startup che consente di tenersi in forma sempre e ovunque     Roma, 11 gennaio 2021 – Fitprime, piattaforma digitale dedicata al mondo del […]

Continua a leggere

Torino, 30 ottobre 2020 – Si è svolta ieri, in diretta streaming da Torino, la finale del Premio Business Angel dell’Anno 2020, evento organizzato dal Club degli Investitori – uno […]

Continua a leggere

L’aumento di capitale è stato sottoscritto dagli investitori della community della piattaforma Doorway, dai membri di IAG e dal Club degli Investitori. La startup mira allo sviluppo dei suoi progetti […]

Continua a leggere

Il Club degli Investitori sostiene la proposta di don Luca Peyron, Direttore della Pastorale universitaria e coordinatore del servizio per l’Apostolato Digitale dell’Arcidiocesi di Torino per ospitare il centro di […]

Continua a leggere