DATA:

24 Gennaio 2019

Articolo tratto da corriere.it:

Luigi Naldini, un pioniere indiscusso della terapia genica per la cura di malattie ultra-rare del Dna, è un po’ come i grandi piloti di Formula Uno. Quando salgono sul podio la vittoria non è mai solo loro. Perché è indubbio che buona parte del successo sia da attribuire anche alla vettura che guidano e a tutto il team della casa automobilistica.

Il premio

Naldini, l’italiano, ha appena vinto il Premio Louis-Jeantet, promosso dall’omonima Fondazione svizzera, che viene assegnato ogni anno a due ricercatori nel campo della medicina: una specie di anticamera per il Nobel.
Il ricercatore italiano è direttore dell’Istituto San Raffaele Telethon per la terapia genica di Milano (SR-Tiget) e docente all’Università Vita e Salute del San Raffaele. Anche Naldini è un fuoriclasse e anche lui ha trovato, in Italia, l’ambiente ideale per portare avanti le sue ricerche, il «contesto», in altre parole, senza il quale, forse, non avrebbe ottenuto questo riconoscimento. E il «contesto» lo ha creato, in buona parte, la Fondazione Telethon. Insomma, ha avuto una Ferrari da guidare e non una Cinquecento.

Clicca qui per continuare a leggere.

Articoli correlati

La settimana dell’innovazione italiana cresce per fare spazio a nuovi eventi: dal 24 al 30 giugno decine di eventi professionali, formativi e di informazione gratuiti sui temi della tecnologia Ferrovie […]

Continua a leggere

Torino, 8 aprile 2019 – Pubblicato su www.italiantechweek.org il programma ufficiale della Italian Tech Week, la quattro giorni di futuro che si terrà a Torino dal 25 al 28 giugno […]

Continua a leggere

L’operazione è uno dei maggiori round di venture capital ad oggi in Italia

Continua a leggere

Un’opportunità per favorire l’espansione dell’azienda nel portfolio del Club degli Investitori verso il mercato statunitense.

Continua a leggere