DATA:

10 Luglio 2017

[:it]Articolo tratto da ilsole24ore.com:

Il lancio è avvenuto lo scorso 23 giugno, ma prima di poter cantare vittoria i tecnici hanno atteso i primi “passaggi” in cielo. Il successo della prima parte della missione è però pieno: D-Orbit è riuscita a mettere in orbita il suo primo satellite (D-Sat), costruito interamente dalla Pmi lombarda, impegnata a testare un nuovo sistema di decommissioning.

Subito dopo il lancio, i tecnici sono stati in grado di acquisire il segnale del satellite, trovandolo “puntato” correttamente a tre ore dal lift-off.  Durante una delle finestre di visibilità dei scorsi giorni, il team è stato in grado di stabilire un link con il satellite di quasi 9 minuti, durante i quali è stato possibile scaricare tutti i dati necessari per analizzare il comportamento del satellite lungo l’orbita.

A bordo, oltre ad una serie di esperimenti collaterali, è montato un sistema propulsivo intelligente, progettato per rimuovere il satellite su cui viene montato in maniera diretta e controllata alla fine della missione anche se il sistema principale dovesse smettere di rispondere a causa di un malfunzionamento. La stessa tecnologia può essere adattata a satelliti di dimensioni fino a 5 tonnellate.

Clicca qui per continuare a leggere.[:]

Articoli correlati

Torino, 8 aprile 2019 – Pubblicato su www.italiantechweek.org il programma ufficiale della Italian Tech Week, la quattro giorni di futuro che si terrà a Torino dal 25 al 28 giugno […]

Continua a leggere

L’operazione è uno dei maggiori round di venture capital ad oggi in Italia

Continua a leggere

Un’opportunità per favorire l’espansione dell’azienda nel portfolio del Club degli Investitori verso il mercato statunitense.

Continua a leggere

L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha assegnato alla società nel portfolio del Club un contratto GSTP (General Support Technology Program) per lo “sviluppo di un distributore di CubeSat in orbita”.

Continua a leggere