DATA:

26 Dicembre 2015

[:it]Il 2015 delle startup secondo Club degli Investitori, tra note positive e meno, e un avvertimento sulla sopravvalutazione di alcune startup.

Come è stato il 2015 delle startup dall’osservatorio Club degli investitori? (investimenti, cose da ricordare, momenti chiave)

Abbiamo assistito a tre fatti importanti.

  1. Innanzitutto ci sono state diverse exit, soprattutto nel life science e ICT, che hanno dato grosse soddisfazioni a fondatori ed investitori. Questo dimostra che il lavoro degli  anni passati sta portando ai primi risultati positivi.
  2. Secondo: sono stati avviati nuovi fondi di venture capital di dimensioni notevoli per il nostro mercato, che danno la possibilità alle startup di accedere a nuovi finanziamenti dopo i primi investimenti seed, come quelli erogati dal Club degli Investitori.
  3. Infine, sono nati i primi corporate venture: Gruppo Cln e Gruppo Mondadori, ad esempio, hanno istituito  al loro interno nuove divisioni dedicate, investendo su manager specifici del settore.

Per quanto riguarda le attività del Club degli investitori, sicuramente è stato un anno molto positivo, sia in termini qualitativi che quantitativi. Il numero di soci è notevolmente aumentato, superando le 100 unità, e questo ci ha permesso di raggiungere diversi obiettivi. Da una parte, infatti, nella fase di approfondimento, avere a disposizione maggiori competenze, ci ha permesso di prendere in considerazione settori precedentemente poco esplorati, come, ad esempio, quello delle nanotecnologie oppure del fashion retail; dall’altra ha permesso, nel 2015, un investimento totale di circa 3.5M a favore di Directa Plus, che ha avviato il processo di quotazione a Londra nel 2016, Oluck, Finaest, Desmotec, Whoosnap e D-Orbit.

Quali sono state le startup che hanno fatto meglio nel 2015 secondo voi?
Prima di tutto citerei D-Orbit, oggi considerata tra le 100 startup più promettenti al mondo, grazie al suo innovativo sistema di decommissioning. Recentemente il Club, con un investimento di 1,3 milioni di euro, è stato lead investor in un nuovo round di investimenti, per un valore di circa 1,83 milioni di euro. Grazie alle risorse raccolte oggi D-Orbit è in grado di portare a termine la Missione D-Sat (prevista per il 2016), con il lancio del primo satellite al mondo che, a fine vita, verrà rimosso dallo spazio in modo sicuro, diretto e controllato. Da ricordare anche l’exit di MyTable, acquisita all’inizio dell’anno da TripAdvisor.

Come è evoluto l’ecosistema nell’ultimo anno? Punti di forza? Di debolezza? 
L’ecosistema delle startup quest’anno ha visto una crescita degli investimenti in termini quantitativi grazie all’ingresso nel mercato di nuovi business angel, sia facenti parte di network, sia persone singole. Dall’altra parte, nella mia esperienza di business angel, percepisco il rischio di una potenziale bolla, soprattutto quando si parla di quotazioni che, in Italia, necessariamente dovrebbero essere più basse. Il fenomeno è sopravvalutato soprattutto dai media, se pensiamo che le startup innovative rappresentano lo 0.25% delle aziende nazionali. Molto denaro si è riversato nel settore rispetto al passato, a partire dal 2014, grazie alla liquidità disponibile e agli incentivi fiscali, ma anche grazie alla continua esposizione sui mezzi di comunicazione. Ciò ha fatto lievitare in meno di due anni le cosiddette valutazioni “pre money” del 30/50%.

 

Fonte: http://blog.startupitalia.eu/rocchietti-club-investitori-lecosistema-cresce-ma-attenti-rischio-bolla-in-italia/

 [:]

Articoli correlati

Verranno presentati questa sera, durante l’ultima Assemblea Soci dell’anno i risultati dell’attività del Club del 2019. Torino, 9/12/2019 – Il Club degli Investitori chiude il 2019 in crescita di investimenti, […]

Continua a leggere

Wetaxi, la piattaforma digitale che permette tramite smartphone di prenotare e condividere il taxi assicurando trasparenza con la tariffa massima garantita, annuncia di aver chiuso un aumento di capitale da […]

Continua a leggere

Comunicato stampa Losanna – 17 settembre 2019 – GenomSys, la startup svizzera che rivoluziona la gestione dei dati di genomica, ha chiuso un round A di investimento da 9,3 milioni […]

Continua a leggere

Il primo digital brand italiano della cosmetica chiude un altro round da oltre un milione di euro Comunicato Stampa Torino, 10 settembre 2019 – SkinLabo ha chiuso un nuovo round […]

Continua a leggere