DATA:

18 Febbraio 2016

[:it]Anche lo spazio ha il suo peso nel nostro futuro. La presenza di oggetti incontrollati è un fenomeno esistente. Per affrontare la missione, la startup italiana D-Orbit ha creato un prodotto ad hoc, D3. Il progetto è stato premiato dalla Commissione Europea, nel Programma Horizon 2020- SME Instrument, con due milioni di euro. Con i 5 milioni di euro già raccolti dagli investitori, di cui 1,3M di euro messi a disposizione lo scorso settembre dal Club degli Investitori, le riserve finanziare dell’azienda sono salite a quota sette milioni.

Clicca qui per continuare a leggere l’articolo (Fonte: www.wired.it)

 [:]

Articoli correlati

Inizia un nuovo capitolo per la startup che consente di tenersi in forma sempre e ovunque     Roma, 11 gennaio 2021 – Fitprime, piattaforma digitale dedicata al mondo del […]

Continua a leggere

Torino, 30 ottobre 2020 – Si è svolta ieri, in diretta streaming da Torino, la finale del Premio Business Angel dell’Anno 2020, evento organizzato dal Club degli Investitori – uno […]

Continua a leggere

L’aumento di capitale è stato sottoscritto dagli investitori della community della piattaforma Doorway, dai membri di IAG e dal Club degli Investitori. La startup mira allo sviluppo dei suoi progetti […]

Continua a leggere

Il Club degli Investitori sostiene la proposta di don Luca Peyron, Direttore della Pastorale universitaria e coordinatore del servizio per l’Apostolato Digitale dell’Arcidiocesi di Torino per ospitare il centro di […]

Continua a leggere