DATA:

19 Giugno 2016

[:it]Articolo ripreso da lastampa.it (http://bit.ly/28IkhVk)

Si chiama Lisa Ciccarelli, ha 30 anni e vive nella provincia di Varese. È lei la ragazza che ha osato di più, quella che si è meritata il premio Ancalau 2016. Il suo progetto – realizzare carta e oggetti di design utilizzando gli scarti della lavorazione delle nocciole – ha fatto breccia tra i giurati e le ha consentito di ottenere il riconoscimento consegnato oggi (domenica 19 giugno) nel piccolo comune di Bosia, in Alta Langa. Un premio dedicato al coraggio («ancalau», in dialetto piemontese) e alle idee originali, alle start-up che potranno incidere più o meno profondamente nel nostro futuro.

«Partendo dal problema dell’autosmaltimento dei residui agricoli, sono arrivata a realizzare un progetto legato alla coltivazione del nocciolo in Alta Langa» spiega Lisa. «Ho già creato della carta nera e un pressato di gusci, con i quali si possono realizzare pezzi unici di design ecosostenibile come quelli che ho presentato davanti alla giuria». Con i 10 mila euro del premio i prototipi diventeranno una linea vera e propria di prodotti, a partire dalla carta di nocciolo per creare etichette e scatole davvero originali.

SUPER GIURIA  

La giuria del premio era autorevole: con il presidente Oscar Farinetti c’erano il direttore de La Stampa, Maurizio Molinari, il rettore dell’Università di Scienze gastronomiche, Piercarlo Grimaldi, il presidente della Banca d’Alba, Tino Cornaglia, l’amministratore delegato di Egea, PierPaolo Carini, l’assessore regionale alla Cultura e al Turismo, Antonella Parigi, il prefetto di Cuneo, Giovanni Russo, e il vicepresidente del Club Investitori di Torino, Mauro Ferrari. «Abbiamo scelto il progetto che tendeva più al difficile senza sconfinare nell’impossibile – ha detto Farinetti -. E quello che potrà diventare realmente fattibile con il nostro contributo di 10 mila euro».

Soddisfatti il sindaco di Bosia, Ettore Secco, e l’ideatore del premio, il creativo e imprenditore della pubblicità Silvio Saffirio, originario del piccolo paese dell’Alta Langa. «Premiare un progetto legato alla lavorazione delle nocciole ha un significato ancora più forte per la nostra comunità» ha detto Secco. «E vedere l’entusiasmo e la partecipazione a questa terza edizione ci fa ben sperare per quelle future» ha chiosato Saffirio.[:]

Articoli correlati

Torino, 30 ottobre 2020 – Si è svolta ieri, in diretta streaming da Torino, la finale del Premio Business Angel dell’Anno 2020, evento organizzato dal Club degli Investitori – uno […]

Continua a leggere

L’aumento di capitale è stato sottoscritto dagli investitori della community della piattaforma Doorway, dai membri di IAG e dal Club degli Investitori. La startup mira allo sviluppo dei suoi progetti […]

Continua a leggere

Il Club degli Investitori sostiene la proposta di don Luca Peyron, Direttore della Pastorale universitaria e coordinatore del servizio per l’Apostolato Digitale dell’Arcidiocesi di Torino per ospitare il centro di […]

Continua a leggere

Il Club degli Investitori completa il suo primo investimento negli USA, secondo investimento estero in meno di 12 mesi Evergreen produrrà radiofarmaci teragnostici avviando la produzione in uno stabilimento nel […]

Continua a leggere