DATA:

23 Giugno 2017

[:it]Tratto da ilsole24ore.com:

La lotta all’inquinamento delle acque è nanotech e firmata dalle eccellenze italiane. È infatti stato presentato oggi a Lomazzo, nel comasco, il nuovo Joint-lab per la decontaminazione delle acque tramite grafene nato dalla collaborazione tra Iit e Directa Plus, l’azienda italiana quotata all’Aim di Londra con sede nel parco scientifico e tecnologico ComoNext e tra i primi fornitori di materiali a base di grafene al mondo.

prodotti-g

L’obiettivo del nuovo Joint-lab – nato con stessa formula utilizzata da Iit, punta di diamante della ricerca applicata italiana, con partner come Nikon, Inail, Novacart, CrestOptics e Moog – è lo sviluppo di nuove soluzioni per la bonifica delle acque in seguito agli sversamenti di idrocarburi e per il miglioramento della sostenibilità ambientale dei processi industriali. Di fatto, si tratta dello sviluppo della nuova generazione del Grafysorber, il materiale a base di grafene sviluppato da Directa Plus per la depurazione delle acque contaminate da oli e idrocarburi alcuni anni fa.

Clicca qui per continuare a leggere.

 [:]

Articoli correlati

Torino, 8 aprile 2019 – Pubblicato su www.italiantechweek.org il programma ufficiale della Italian Tech Week, la quattro giorni di futuro che si terrà a Torino dal 25 al 28 giugno […]

Continua a leggere

L’operazione è uno dei maggiori round di venture capital ad oggi in Italia

Continua a leggere

Un’opportunità per favorire l’espansione dell’azienda nel portfolio del Club degli Investitori verso il mercato statunitense.

Continua a leggere

L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha assegnato alla società nel portfolio del Club un contratto GSTP (General Support Technology Program) per lo “sviluppo di un distributore di CubeSat in orbita”.

Continua a leggere