Rivedi l’evento


Scarica il report



COMUNICATO STAMPA

Il Club degli Investitori presenta la Ricerca sulle Startup di Torino. Emergono nuovi settori, si conferma il DNA industriale, ma occorre fare di più per attrarre capitali


  • Presentati i risultati della “Ricerca sulle Startup di Torino” realizzata dal Club degli Investitori in collaborazione con ESCP, Camera di Commercio e SEI School of Entrepreneurship
  • Oltre al digitale emerge la presenza di startup e PMI innovative nel settore Healthcare, nell’Automotive e mobilità e nell’Energy&Cleantech
  • Prevalgono le startup di prodotto rivolte al B2B, ma hanno fatturati ridotti rispetto alla media nazionale
  • “Lo skill più importante da sviluppare è saper parlare agli investitori” il commento di Giancarlo Rocchietti, Presidente del Club degli Investitori

Torino, 23 settembre 2020 – Il Club degli Investitori ha presentato i risultati della Ricerca sulle startup di Torino, indagine condotta dal gruppo di business angel torinese in collaborazione con ESCP Business School, Camera di Commercio di Torino e SEI School of Entrepreneurship.

La ricerca ha permesso di tracciare un profilo degli startupper e dell’ecosistema delle imprese innovative di Torino. Gli startupper torinesi sono imprenditori di esperienza e lanciano le proprie aziende dopo percorsi professionali di alto livello: in quasi il 50% dei casi il loro background è quello di amministratori o manager, e in oltre il 72% dei casi hanno già maturato precedenti esperienze imprenditoriali. In media avviano le loro imprese attorno ai 40 anni e le aziende sono prevalentemente aziende Business to Business (B2B) che realizzano innovazione di prodotto. A Torino viene sfatato il mito degli startupper come “studenti in un garage”, evidenziando invece la presenza di figure con professionalità e competenze avanzate.

Emergono criticità però sulla presenza di startup nel territorio con una densità per abitante sensibilmente inferiore rispetto a Milano e Roma: a Torino si registra una startup ogni 5.775 abitanti (a Roma sono una ogni 3.684 abitanti e a Milano una ogni 1.455). Anche sul fronte del fatturato non va meglio: le startup torinesi hanno ricavi medi inferiori del 30,4% rispetto alla media nazionale (a Torino il fatturato medio annuo per startup è di 132.220 euro, contro i 162.647 euro fatturati annualmente dalle startup italiane) e addirittura inferiori del 38,5% se consideriamo il valore mediano (valore mediano di fatturato pari a 19.877 euro per le startup di Torino; valore mediano di fatturato di 32.380 euro per le startup italiane).

Dalla ricerca emerge tuttavia che l’ecosistema torinese è compatto – con oltre l’80% degli intervistati che dichiara di sentirsi parte del sistema imprenditoriale della città – e gli imprenditori innovativi dicono di trovare a Torino le competenze e le persone di cui hanno bisogno per far crescere le loro imprese.

Alla città, gli imprenditori delle startup e PMI di Torino chiedono di attrarre più investitori e maggiori occasioni di networking, sia interne all’ecosistema sia con altri hub di innovazione.

Ci sono però anche degli elementi critici, in particolare per quanto riguarda la capacità di raccogliere capitali – dichiara Giancarlo Rocchietti, Presidente del Club degli Investitori -. Le startup di Torino vogliono più investitori, infatti, a parte alcune straordinarie eccezioni, nel primo semestre 2020 non sono riusciti ad attrarre capitali in modo significativo. Dialogare con gli investitori è uno skill fondamentale sul quale gli startupper torinesi devono lavorare. Gli operatori italiani del venture capital sono oltre 200: il fatto che la maggioranza sia localizza fuori Torino non può essere una scusa”.

Secondo gli startupper che hanno risposto all’indagine, gli investitori con i quali desiderano interagire di più sono i business angel, seguiti dai fondi di venture capital.

Voglio pensare che l’indicazione di business angel e fondi di venture capital come principali interlocutori sia il segno della maturità delle nostre imprese innovative – prosegue Giancarlo Rocchietti -. Come network di business angel con oltre 20 milioni di euro investiti ci sentiamo chiamati in causa. Siamo pronti a supportare gli imprenditori più capaci di Torino, ma il confronto deve essere schietto: solo le iniziative eccellenti posso avere chance”.

I risultati della ricerca sono stati presentati durante un evento pubblico il 23 settembre 2020 alle OGR Tech ed il report è disponibile su www.clubdeglinvestitori.it/startup-torino.